Siamo quello che mangiamo

Me lo ripeteva spesso mia nonna, ma non capivo granché! Non ho mai capito molto dei consigli saggi che mi davano… c’ho messo molti anni. E negli anni li ho riscoperti.
Ero affascinata da come mia nonna preparava con cura i suoi pasti, sceglieva con attenzione dove acquistare il cibo, come cucinarlo. Mi diceva che non si può mangiare qualsiasi cosa, che il corpo ha bisogno di cibo vivo per mantenersi in salute. Che il corpo ha bisogno di cibo cucinato con amore per nutrire… e io il sapore delle sue fettine in padella me lo ricordo ancora!

Qualche anno fa, rivolgendomi ad un nutrizionista, ho scoperto il grande potere dell’alimentazione sullo stato di benessere fisico e psicologico. Ho potuto scoprire, ad esempio, che se stai vivendo un periodo di cambiamento, che richiede fatica da un punto di vista emotivo, è necessario non appesantire lo stomaco, privilegiare una alimentazione semplice.
Se mangiamo cibi pesanti il nostro intestino (secondo cervello) sarà così impegnato a digerire zuccheri, grassi, ecc. che non avremo più energia per digerire quello che non ci va giù a livello alimentare, di relazioni e del quotidiano: saremo meno concentrati, distratti, irascibili e poco lucidi nell’affrontare le questioni. Ciò significa che una piccola opposizione di nostro figlio può diventare terreno di scontro, trasformando una normale giornata in terribile. Avremo meno pazienza e non saremo disponibili a cercare una via pacifica di risoluzione del problema. Quello che dico può sembrare assolutamente strambo, ma fate una prova: provate a osservare il vostro comportamento dopo i pasti. Osservate, senza giudicare, la vostra capacità di sopportazione dopo aver mangiato pizza, birra, patatine fritte e gelato (pasto tipico di un sabato qualunque) o dopo aver fatto un pasto più leggero e salutare. Siamo quello che mangiamo, ricordi?
Molti storceranno il naso e diranno che il pasto salutare è meno gustoso: convinzione assolutamente falsa. Il corpo (pneuma-psico-soma) è un tutto integrato, non qualcosa di frammentato.

Se quello che dico è vero, calatelo nella realtà e soprattutto nelle abitudini alimentari dei bambini. Spesso si sceglie per loro cibo confezionato, contenente molti zuccheri e grassi, per praticità, velocità, ma questi cibi vanno a influenzare negativamente la capacità di concentrazione del bambino nelle attività cognitive, l’attività comportamentale e il tono dell’umore in generale, rendendoli iper-eccitati da un punto di vista fisico (quindi irrequieti), ma pigri e demotivati da un punto di vista umorale.

Come l’alimentazione può aiutarci nel nostro vivere quotidiano?
Ci sono molti siti internet dedicati alla nutrizione infantile o alla nutrizione in famiglia. Seguo con molto interesse il sito della dietista Francesca Oggionni, neo mamma, parla di equilibrio, buon cibo e fertilità. Offre molte strategie per conciliare uno stile alimentare sano alla propria vita quotidiana piena di impegni. Spesso pensiamo che per mangiare bene dobbiamo avere molto tempo a disposizione; è bello scoprire che non è così e che il segreto sta tutto nell’organizzare adeguatamente la propria lista della spesa, le preparazioni, il proprio tempo. Nel sito ci sono anche molte ricette e materiali. Per me è stato molto utile, soprattutto per ripartire da settembre…col piede giusto.

Porridge https://unamelaperdietista.it/colazione-il-porridge/

Come educare un bambino ad una sana alimentazione?
Io credo che prima di tutto ci sia l’esempio, e poi la disposizione individuale.
Diventare modello di alimentazione sana non significa sacrificarsi ma scegliere la salute, il meglio per se e per la propria vita. È importante che i genitori sperimentino quanto una alimentazione sana e consapevole sia importante in termini di miglioramento della qualità della vita. Successivamente potranno scegliere che indirizzo dare alla propria vita familiare, quali insegnamenti trasmettere, non solo a livello comportamentale, di norme e valori, ma anche di cura del proprio corpo.

Molte mamme mi chiedono come possano aiutare i loro bambini a mangiare verdure, legumi. Il mio consiglio è sempre molto semplice: coinvolgere il bambino nella preparazione del pasto: lo farà sentire importante, sarà così orgoglioso di averlo preparato da solo che proverà anche un grande gusto nel mangiarlo e nell’assicurarsi che tutti lo mangino. Provate con torte o biscotti per la colazione, centrifughe di frutta per la merenda, polpette, hamburger di ceci, zucchine ripiene per la cena… troverete moltissime ricette divertenti e salutari.

Fate della vostra cucina uno spazio in cui il bambino possa sentirsi coinvolto, non escluso, approfittate del momento in cui è felice di fare insieme a voi e sostenete lo sviluppo di moltissime competenze che gli sono utili nel vivere quotidiano. Fatelo quando siete disposti ad accettare che i tempi saranno più lunghi, che il piano della cucina inevitabilmente si sporcherà, che probabilmente andrà tutto pulito.

…ma fatelo! io sono certa che anche voi come genitori inizierete a sentire dentro di voi la felicità di chi contribuisce alla salute del proprio figlio, alla partecipazione attiva alla loro crescita: impareranno che la scelta del cibo è legata alla provenienza e che le verdure hanno una vitalità che li rende nutrienti. Sarà bello osservare come i piatti sulla nostra tavola cambiano in base ai ritmi dell’anno, alla stagionalità; percepire di quali cibi abbiamo bisogno per vivere bene; sentirsi parte di una natura che si trasforma. Diventare consapevoli delle trasformazioni che viviamo durante l’anno. Assumere la trasformazione come naturale. …Chissà, forse anche i cambiamenti ci faranno un po meno paura.


E tu? Cosai hai scelto per la tua vita? Cosa sceglierai per i tuoi figli? 

Uno non può pensare bene, amare bene, dormire bene se non ha mangiato bene.
Virginia Woolf

Le parole che aiutano

Come sostenere un bambino che si trova ad affrontare un cambiamento? Una difficoltà? Quali parole possono aiutarlo a esprimere le proprie emozioni?
Quando il vostro bambino vive un momento di difficoltà (non riesce a fare qualcosa, oppure non fa quella cosa come vorremmo noi) ha bisogno di essere sostenuto, e non giudicato; ha bisogno di occhi nuovi per guardare ciò che vive come opportunità, e non solo come limite.
Spesso questo è difficile, perché vorremmo il nostro bambino sereno di fronte ad un problema, tenace in caso di difficoltà, disposto a non abbattersi, collaborare quando glielo chiediamo noi, insomma un bambino perfetto nel nostro immaginario, ma inesistente nella realtà.

Spesso parliamo di rispetto dei bambini, ascolto delle loro emozioni, dei loro bisogni, ecc. ma partiamo da una domanda: Qual’è la mia disposizione di spirito di fronte ad un problema? Qual’è il mio atteggiamento quando si presenta un imprevisto? Siamo sempre disponibili a cambiare velocemente i nostri programmi?

Prendiamoci un attimo per riflettere su queste domande, perché io credo che potremo sostenere la crescita del nostro bambino solo quando prenderemo consapevolezza di “come funzioniamo noi”, della possibilità che ci concediamo di ambientarci a qualcosa di nuovo, del tempo che ci diamo di fronte ad un imprevisto o ad un cambiamento, della disponibilità che ci diamo a commettere errori. Quando accetteremo i nostri limiti, saremo benevoli nei confronti delle fragilità e delle vulnerabilità altrui, saremo gentili con chi ha bisogno di tempo, useremo un linguaggio che sostiene con chi ha bisogno di andare avanti. Saremo gentili ed educheremo alla gentilezza, alla possibilità di accettare l’altro nella sua individualità; insegneremo ai bambini l’amore autentico, quello che si libera dall’immagine eroica di noi stessi per incontrare la vera natura dell’altro.

Cosa possiamo fare dunque per sostenere il nostro bambino quando si trova di fronte ad una difficoltà? L’uso di una comunicazione chiara, efficace, non sbrigativa, è sicuramente un grande aiuto.

Frasi come “Non piangere che sei grande!!!”, oppure “Dai non ti sei fatto niente”, oppure “Dai lo fanno tutti? anche quelli più piccoli di te!!!” e potremmo continuare all’infinito, non appartengono ad una comunicazione in grado di aiutare un bambino che sta vivendo un momento di difficoltà. Sono piuttosto frasi che mortificano il bambino e quello che sta provando. In qualche modo la comunicazione che stiamo dando è: “Quello che provi non ha valore, non mi interessa”. Il bambino vivrà quindi con dolore non solo il disagio di vivere una difficoltà, ma anche il fatto che ciò che prova non è importante, anzi potrebbe creare fastidio agli adulti che si occupano di lui…e lentamente smetterà di comunicarle, dimenticando di dare ascolto alle proprie emozioni.
Le vivrà intensamente, ma non saprà nominarle, riconoscerle e quindi viverle.

Io credo che lasciare inascoltate le emozioni di un bambino o di una bambina sia molto pericoloso. Sono spaventata quando incontro adulti che, in preda alla loro collera, usano un linguaggio verbale aggressivo, giudicante, e totalmente proiettivo. Soprattutto quando lo fanno nei confronti di un bambino.

É assolutamente necessario introdurre nelle scuole interventi di alfabetizzazione emotiva, sostenere i genitori nell’acquisizione di un linguaggio consapevole, sentirci responsabili, tutti, dell’educazione di ciascun individuo.

Ogni bambino ha il diritto di essere sostenuto nella sua crescita e ogni adulto ha il dovere di trovare il modo per farlo.

Se il bambino vive nella critica, impara a condannare. 
Se vive nell’ostilità, impara ad aggredire.
Se vive nell’ironia, impara la timidezza.
Se vive nella vergogna impara a sentirsi colpevole.
Se vive nella tolleranza impara ad essere paziente.
Se vive nell’incoraggiamento, impara la fiducia.
Se vive nella lealtà, impara la giustizia.
Se vive nella disponibilità, impara ad avere fede.
Se vive nell’approvazione, impara ad accettarsi.
Se vive nell’accettazione e nell’amicizia, impara a trovare l’amore nel mondo.

– Dorothy Law Nolte –

Settembre…periodo di inserimenti

Settembre è generalmente un mese impegnativo per alcuni bambini e le loro famiglie: l’inserimento all’asilo nido o l’ingresso alla scuola dell’infanzia sono due momenti cruciali che possono presentarsi del tutto naturali e fisiologici, oppure al contrario un’esperienza dolorosa, critica, che mette in subbuglio un intero sistema famigliare. Quest’anno, a maggior ragione: come gestiremo gli inserimenti dopo il lungo periodo di permanenza a casa dei bambini? Che cosa può aiutare un bambino a vivere un buon inserimento, un buon ambientamento? Il primo aspetto da considerare è che tipo di relazione ho costruito con mio/a figlio/a? Quale è la qualità del nostro attaccamento? Come ho risposto ai suoi bisogni? Quando parliamo di attaccamento intendiamo “una relazione intima e primaria” (J. Bowlby), che si costruisce nei primi anni di vita e si sviluppa tra il bambino e le figure che si occupano maggiormente di lui, la madre, in primis. La qualità della relazione dipende dalla capacità, dell’adulto che si occupa del bambino, di percepire e comprendere le sue esigenze e di provvedervi con risposte adeguate. Il tipo di attaccamento che il bambino ha instaurato con le figure di riferimento rifletterà inevitabilmente il tipo di inserimento che il bambino andrà a vivere. 

Il bambino, che ha avuto una figura di riferimento emotivamente disponibile, che ha intercettato i suoi bisogni e li ha soddisfatti, vive generalmente un attaccamento sicuro. La sua esperienza diretta è che il mondo degli adulti lo comprende, soddisfa i suoi bisogni, è affidabile: verso se stessi e gli altri svilupperà sentimenti di fiducia.

Il bambino che sperimenta che il mondo adulto non è sempre capace di interpretare in modo corretto i suoi segnali, oppure riceve una risposta tardiva, fa esperienza di un attaccamento evitante: questo comporta senso di sfiducia verso se stesso e gli altri. L’inserimento con figure nuove potrebbe suscitare preoccupazione e ansia: la paura di non essere compreso, di non trovare un ambiente capace di farlo sentire bene. 

I bambini che, in risposta al loro pianto (sintomo di un bisogno), ricevono una risposta a volte appropriata e a volte no, oppure sperimentano una gestione ansiosa del suo bisogno (sono i casi in cui il genitore ha paura di non fare bene, è preso da altri pensieri, il suo viso è preoccupato, le sue braccia sono tese, e non possono dunque diventare spazio di conforto e sicurezza) vivono con il genitore un attaccamento ambivalente. Il bambino sente che a volte può fidarsi dell’adulto e a volte no, vive l’esperienza che i suoi bisogni sono fonte di nervosismo e preoccupazione, svilupperà verso il mondo esterno un senso di insicurezza, e la percezione che non è possibile fare affidamento sugli adulti per creare una relazione efficace. L’inserimento di questo bambino, il congedo da parte del genitore, potrebbero rappresentare momenti molto problematici. 

In ultimo, il bambino che viene esposto a ripetute manifestazioni di stress da parte del genitore, che, nel rispondere in modo confuso e nervoso al bisogno del bambino, manifesterà anche eccessiva tensione sia verbale che fisica (prendere in braccio bruscamente un bambino, quando si è nervosi, per esempio, sarà inizialmente di sollievo ma potrebbe provocare un nuovo pianto, se è troppo forte, andando a sommare questo disagio al bisogno che deve essere ancora soddisfatto), vive un attaccamento disorganizzato: un eccesso di nervosismo e tensione, insegnano al bambino che le emozioni intense sono disorganizzanti, mandano in tilt il sistema e generano un senso di paura, inaffidabilità. 

Nei casi in cui si vive con difficoltà l’inserimento del proprio bambino è importante: NON SENTIRTI IN COLPA, NON AVERE FRETTA. Lascia al tuo bambino il tempo di ambientarsi e di sviluppare sicurezza. NON BUTTARLO IN UN NUOVO AMBIENTE CON LA PRETESA CHE DEVE SUBITO STARE BENE. Tu sei sempre disposto alla novità? Agli ambienti in cui non conosci nessuno? Lasciati aiutare dalle figure educative: figure specializzate e preposte all’accoglienza del bambino, ma anche della sua famiglia e delle proprie vulnerabilità. Nessun insegnante vuole intromettersi tra il genitore e il figlio, tutti gli insegnanti vogliono invece fare il possibile perché il bambino viva bene l’inserimento e il tempo scuola in generale. In ultimo…ricordatevi sempre di salutare il vs bambino prima di andare via, è angosciante avere un genitore che sparisce all’improvviso!!! 

Buon lavoro!

La lettura va in vacanza

Quando stai per partire per le vacanze e sei in procinto di preparare le valigie, ricorda di mettere sempre in valigia un libro (o più di uno!). Un libro può davvero salvarci la vita nei viaggi a lunga percorrenza, quando ci ritroviamo inaspettatamente in mezzo al traffico, oppure in attesa al ristorante. Sono contraria all’uso di dispositivi elettronici. Ho constatato che ogni volta che se ne accende uno, si spegne un bambino. Sento invece che è importante aiutare il bambino, fin da piccolo, a costruire buone abitudini e aprire un libro per me è:

– educare alla relazione, perché il libro viene letto con un adulto (almeno fino a quando il bambino non impara a leggere autonomamente).

– sostenere i processi cognitivi: bambini esposti precocemente alla lettura ad alta voce riducono il rischio di problemi del linguaggio e dell’apprendimento.

– promuovere il linguaggio: il libro va letto, il bambino nella lettura ripetuta impara nuove parole arricchendo il proprio vocabolario, questo lo aiuterà ad esprimere meglio le sue emozioni e i suoi bisogni.

– sostiene l’educazione alle emozioni, grazie alla possibilità di provare empatia verso alcuni personaggi, dando voce alle loro emozioni.

– sostiene la creatività, la possibilità di essere presente a se stesso e di vivere una relazione vera, autentica con il libro che diventa porta verso mondi sconosciuti.

Il libro non è mai noioso, le immagini sono sempre piene di particolari da osservare insieme, i racconti sono sempre nuovi, scoperti di volta in volta, seguendo gli stadi di sviluppo del bambino. Il tuo bambino ti chiederà di leggere la stessa storia centinaia di volte, non lamentarti, è l’unico modo che ha per fare sua la storia, conoscere i personaggi, imprimere le immagini nella sua memoria.

Da dove iniziare? scegli di recarti nella piccola biblioteca del tuo paese, affidati al proprietario e fatti aiutare a scegliere il libro adatto alle tue esigenze.

La grande maestra montagna

Una delle cose che preferisco della montagna sono i suoi insegnamenti, ispirazioni che posso riportare nella vita. Innanzitutto ci insegna a viaggiare leggeri un lungo tragitto, se affrontato con un grande peso, diventa faticoso e non ti permette di apprezzare la bellezza che si manifesta davanti a noi. Proprio come nella vita …ci vuole leggerezza, essenzialità per vivere il quotidiano.

Avere una meta, avere chiaro dove vuoi andare ti permette di vivere la fatica, di non abbandonare, di superare i tuoi limiti.
La vetta si raggiunge un passo alla volta, il tragitto deve seguire la tua andatura, che significa “sentire” come dosare le tue forze.
Ci vuole costanza per non abbandonare: la montagna sviluppa forza interiore, tenacia. Raggiungere la vetta ti permette di sentire la felicità e sviluppare un senso positivo del se, accresce l’autostima, e non perché qualcuno ti dice Bravo! ma perché ce l’hai fatta! con le tue forze!

La vetta è anche bellezza dopo la fatica, senso pieno dell’esperienza vissuta. 

Guardare il tragitto fatto, i lunghi percorsi compiuti ti fa sentire forte, ce l’hai fatta nonostante non lo avresti mai immaginato. Ti permette di sentire gratitudine.
La montagna insegna la flessibilità, a fronteggiare l’imprevisto, perché se qualche nube minacciosa compare all’improvviso, bisogna cambiare strada, rimodulare il percorso: accettando, senza opporsi.

E poi la montagna e il camminare ispira pensieri, evoca emozioni. 
Non esiste domenica migliore di una escursione o un trekking in montagna.
Il tempo migliore che puoi offrire a tuo figlio è proprio in quota: sarà il cammino silenzioso a parlare per te e a insegnare la leggerezza, l’essenzialità, la forza, il coraggio, la soddisfazione, l’autodeterminazione, la tenacia, la flessibilità, la capacità di adattarsi alle situazioni e a fronteggiare i problemi…la felicità. 

Invece di dire…prova a dire #2

Usiamo la comunicazione dal momento in cui veniamo al mondo ma quasi nessuno ci educa ad un suo uso responsabile, efficace, assertivo.

Dopo aver individuato 7 piccole strategie di comunicazione ora vorrei approfondire un tema importante e spinoso per noi educatori: l’uso del “Bravo”. 

I bambini sin da piccoli vanno abituati a prendere in mano la propria vita. Occorre responsabilizzarli in mille maniere, anche mettendoli di fronte alle difficoltà. Gli ostacoli non vanno eliminati e i fallimenti non sono qualcosa di negativo. È cosi che si matura e si diventa grandi. Per questo “dire bravo non serve”  (Marco Orsi).

Quindi non si può dire?

Il problema è che usiamo “Brava!”, “Bravo!” con distrazione e senza contestualizzarli. Il Bravo talvolta viene anche usato per sgridare, ammonire, stimolare, e persino come arma sottile di manipolazione. “Hai detto  “mamma”, bravo!”, “Dammi la mano, da brava, quando attraversiamo la strada”, “Che bravo che sei quando fai quello che ti dico!”, “Guarda che bravo, hai già sistemato i giochi”, “Che bel disegno, bravo!”, “Fai il bravo”.

Ma cosa significa quel bravo? Cosa intendi dire davvero quando lo dici? Che quando si comporta diversamente non lo è? A questo punto avrete già alzato gli occhi al cielo e vi starete dicendo: “Ma non si può più dire niente allora?”. No, tutto il contrario. Si può dire e fare molto. Molto di più e meglio. Che emozione! Hai detto “mamma”! oppure Per favore, diamoci la mano quando attraversiamo la strada che mi sento più sicura oppure Sono così felice quando fai le cose che ti chiedo! oppure Oh che bello! Avete già sistemato le cose senza che io mi sia innervosita oppure Che bel disegno, lo trovo meraviglioso! “Fai il bravo” non è traducibile, che poi …bravo a fare che??? Con queste frasi l’adulto apprezza un comportamento dimostrando che ha effetti su di lui, senza però emettere giudizi. Questa modalità aiuta l’altro (bambini, adolescenti, adulti) a comprendere che le loro azioni possono esserti di aiuto, e aiutare gli altri fa parte della natura umana. Sentire frasi d’amore, che non contengano giudizio, nutre l’autostima, sostiene un’immagine positiva del sé: Ti voglio bene oppure Mi piace il disegno che hai fatto oppure Grazie di avermi aiutato,non giudicano, non commentano nulla, arrivano dritto al bisogno primario di riconoscimento e sicurezza allontanando ansia e paura. Un bambino accolto, accudito amato senza riserve, crescerà nella consapevolezza del proprio valore. Un bambino che si è sentito dire BRAVO per ogni singola e naturale azione compiuta, senza che quel bravo sia stato contestualizzato, si sentirà sicuramente pieno di sé, ma non saprà in che cosa è competente. Svilupperà, inoltre, un senso di dipendenza da quel giudizio dell’adulto, avete mai visto i bambini che appena riescono a fare qualcosa vanno alzo lo sguardo verso i genitori in cerca di approvazione oppure di bambini che vanno dai genitori e chiedono: “Sono stato Bravo?”.Il bambino, che poi sarà adulto, imparerà a fare le cose per sentirsi ogni volta quel “bravo!” che è dimostrazione di amore, riconoscimento e esperienza appagante tutti insieme. Il bambino si preoccuperà quindi di fare, di dire, di mettere in atto comportamenti volti ad appagare l’altro (I genitori quando è piccino, i prof quando andrà a scuola e il capo quando sarà adulto e entrerà nel mondo del lavoro). Vi è mai capitato di incontrare adulti che sono affannati a fare molte cose? Che cercano di emergere a tutti i costi? Sarebbe interessante chiedere loro “Perché lo fai?”, “Per chi lo fai?”. Per chi lo fai è LA domanda rivelatrice che svela il motivo del nostro essere al mondo e iniziare a chiederselo significa togliere il cambio automatico nella propria vita e scegliere la qualità delle impronte dei passi che voglio lasciare dietro di me.

Sono consapevole della difficoltà di abbandonare vecchi automatismi, e della necessità di vivere leggeri, io sono umana e anche a me capita di dirlo, e quando lo dico cerco sempre di contestualizzare, ovvero specificare in che cosa l’altro secondo me è bravo. Non credo in una comunicazione perfetta, ma credo in una comunicazione perfettibile e sulla possibilità che ognuno di noi possa dare il suo contributo per la costruzione di una umanità più umana.

Educare alla libertà è educare alla responsabilità

“I bambini imparano ciò che vivono. Se un bambino vive nella critica impara a condannare, se vive nell’ostilità, impara ad aggredire. Ma se un bambino vive nell’accettazione  e nell’amicizia impara a trovare l’amore nel mondo.” Dorothy Law Note 

In quesi ultimi mesi abbiamo vissuto il tempo del limite, la sospensione delle scuole ha messo in crisi un intero sistema e organizzazione familiari. I nonni sono stati definiti “categoria a rischio” ma sono anche diventati i “salva vita” delle famiglie, perché senza di loro molti genitori avrebbero fatto difficoltà a organizzare il tempo quotidiano, mantenendo il proprio lavoro. Inizialmente forse le indicazioni fornite sono state considerate rigide e, a volte, esagerate, sta di fatto che abbiamo dato la nostra libera interpretazione del fenomeno, non sempre abbiamo rispettato le prescrizioni, mettendo in pericolo la nostra salute e quella di chi ci circonda. 

…e i bambini? Di cosa staranno facendo esperienza mentre noi adulti siamo indaffarati a “contenere l’emergenza” sanitaria, organizzativa, lavorativa? I bambini stanno sicuramente facendo esperienza del tempo in casa e del tempo in famiglia: un tempo qualche volta dimenticato, finito tra i “fitti” impegni quotidiani. C’è chi inventa giochi, chi si mette ai fornelli, chi cerca di rispolverare quei giochi da tavolo ormai ingialliti in cantina.

Io credo che possiamo sfruttare questo tempo per abbandonare il nostro assetto da guerra e vivere il tempo della condivisione, accettare il limite di non poter decidere e permettere ai bambini di sperimentare, attraverso il come noi viviamo, la possibilità di vivere l’opportunità anche laddove c’è sofferenza e dolore. Non possiamo scegliere cosa vivere, ma possiamo scegliere come viverlo, e il tempo della crisi è un tempo naturale: riuscire a portare gioia e bellezza può preparare i bambini a vivere le future sfide con coraggio, pazienza e fiducia. Opporci a questo tempo significa far vivere ai bambini il tempo della controversia, della disobbedienza e impareranno a non rispettare le regole che vengono poste, a tutti i livelli.  I bambini hanno bisogno di adulti che fanno quello che dicono e che dicono quello che fanno. I bambini vogliono sperimentare la coerenza, che richiede (da parte dell’adulto) disciplina e molto sacrificio; non possiamo pensare che “fai ciò che ti senti” sia educare alla libertà, perché questo si chiama egoismo. Educare alla libertà è educare alla responsabilità: i bambini hanno bisogno di vivere nel rispetto di ciò che viene prescritto, senza polemica o contestazione, ma vissuto nel pieno rispetto del fatto che “la mia libertà finisce quando inizia la tua”.

I bambini hanno anche bisogno di adulti che dicono quello che fanno, ovvero che spieghi loro la realtà, una narrazione del quotidiano che lo aiuti a vivere preparandosi a ciò che sta accadendo. Quale adulto accetterebbe di essere preso e portato senza sapere dove? Di lasciare che qualcuno faccia della propria vita ciò che vuole? Spesso però ci capita di farlo con i nostri bambini: pensiamo ai vari spostamenti tra casa dei nonni, casa dei genitori, parco giochi, ecc. a volte non prepariamo i nostri bambini a ciò che andranno a vivere, e spesso le loro risposte sono di dissenso, piangono, perché non sanno, non comprendono ciò che sta per accadere.

Cerchiamo di vivere la relazione con l’altro partendo da come vogliamo che gli altri ci trattino, questo ci guiderà a relazionarci e a permettere ai nostri bambini, nipoti, di imparare il rispetto, il dialogo, l’attesa, perché osservano il modo in cui noi adulti lo agiamo. I bambini potranno imparare che la loro esistenza è strettamente connessa a quella delle persone che ci circondano, che un atteggiamento civile e rispettoso è la base su cui fondare il futuro della nostra società civile, che la libertà può essere vissuta nel rispetto delle regole e che il tempo dello stare in casa è un tempo di nuova scoperta della relazione con le persone che ci circondano, un tempo di racconti e di cose fatte insieme…questo tempo può diventare così ricco se vissuto nella pienezza dello stare uniti! 

Invece di dire…prova a dire #1

Quante volte ci è capitato di ascoltare o dire frasi del tipo: “fa sempre il contrario di quello che gli dico!” oppure “se non fai questo niente tv per una settimana!”, “Si fa così perché lo dico io!”.

E quante volte vi capita di dire: “Avevo giurato che non avrei mai fatto come i miei genitori!!!” 

Obiettivo di questo articolo è: come costruire una relazione collaborativa con tuo figlio o tua figlia senza passare per minaccia né ricatto, perché dire: “se fai questo ti do una sculacciata”  oppure “smettila o vedrai come mi arrabbio!!” è una minaccia (per non parlare di quei poveri lupi cattivi che vengono in aiuto di genitori sull’orlo di una crisi di nervi), e dire: “se vuoi questo devi fare quello” è un ricatto. Non ci scandalizziamo per i termini che sto usando, perché questo sono: minaccia e ricatto.

Questo è il momento di scegliere: voglio educare mio/a figlio/a a minacciare e ricattare? Oppure desidero che mio/a figlio/a possa instaurare rapporti di collaborazione con le persone che incontra? Vivere legami in cui c’ uno che comanda e che subisce oppure basati su un rispetto reciproco?

Iniziamo da una domanda: se uno si avvicina a me e mi dice: “guarda che mi arrabbio eh!? Come risponderemmo? Probabilmente “fai tre fatiche!”…ecco, questo è esattamente quello che ci vorrebbero risponderci i nostri figli, ma nella maggior parte dei casi sono molto educati, ci amano, e ci accontentano, o al massimo si oppongono. “Cosa posso fare dunque per farmi ascoltare da mio figlio?”, perché il focus non è sul fatto che il bambino non ascolta, ma cosa posso fare per modificare la situazione? L’adulto deve ricordare che di fronte a sé c’è un bambino che prova sentimenti ed emozioni con la stessa intensità degli adulti, ma senza filtri. È importante dunque fronteggiare le situazioni critiche con pazienza, comprensione, incoraggiamento, i modi per capirci che generalmente abbiamo con chi è “fuori casa” (colleghi, clienti, ecc) ai quali non diremmo mai “basta!”, “piantala!”, “non fare capricci!”, “sei un monello!”. Una persona che si sente compresa, accettata, non ha bisogno di opporsi e di mettersi sulla difensiva. Cambiare qualcosa di ciò che diciamo, come lo diciamo, può fare la differenza. In un rapporto non è “cosa dici” ma “come lo dici” a fare la differenza. 

Cosa puoi fare per sentirti ascoltato:

  1. Abbassare il tono di voce: se urli verrai ascoltato meno. Le urla generano rumore e confusione mentale al bambino. Parlare a bassa voce catalizza l’attenzione del bambino, che per ascoltarci deve smettere di fare qualsiasi cosa, si bloccherà, per indirizzare tutta la sua attenzione ed energia verso il messaggio che gli stiamo inviando.
  2. Usa un tono di voce calmo e pacato. Tu sei in grado di accettare il consiglio di chi te lo dice urlando?. 
  3. Abbassatevi all’altezza di vostro figlio o prendetelo in braccio, in modo che gli occhi siano sullo stesso piano. In caso di figli adolescenti o preadolescenti provate a mettere una mano sulla sua spalla mentre gli parlate, con un tocco deciso e fermo. 
  4. Semplifichiamo il messaggio. Frasi elaborate rischiano di far perdere l’attenzione dell’altro. Adotta frasi semplici, dirette, con un linguaggio adatto all’età, ma evitiamo di usare parole come “bau bau” o che fa riferimento a una lingua che non esiste. Evitiamo sermoni. Chiediamoci prima che cosa voglio, quale è il mio bisogno e andiamo dritti al punto. Facciamo “goal” senza inutili giri di parole.
  5. Specifica cosa vuoi che il bambino faccia non il contrario. Invece di dire: “non andare in mezzo alla strada” prova a dire “stai sul marciapiede”. Invece di dire: “non tornare tardi” è più efficace “Ci vediamo alle 18, in punto.” (Questo funziona anche con gli adulti)
  6. Prenditi un tempo e uno spazio se devi comunicare, spiegare o raccontare qualcosa di importante. Chiedere “hai tempo di ascoltarmi?” vi garantisce di sapere se l’altro è disposto ad ascoltarvi e non vi espone alla frustrazione che spesso si trasforma in rabbia verso l’altro perché non vi siete sentiti ascoltati.
  7. Abbassare il tono di voce: se urli verrai ascoltato meno. Le urla generano rumore e confusione mentale al bambino. Parlare a bassa voce catalizza l’attenzione del bambino, che per ascoltarci deve smettere di fare qualsiasi cosa, si bloccherà, per indirizzare tutta la sua attenzione ed energia verso il messaggio che gli stiamo inviando. Usa un tono di voce calmo e pacato. Tu sei in grado di accettare il consiglio di chi te lo dice urlando?

Queste semplici, e non esaustive, strategie sono praticabili da subito, sta a te scegliere se iniziare. Puoi cambiare il modo di sentirti in relazione con l’altro da te, ma nessuno può agire al posto tuo. All’inizio sarà difficile e per niente naturale ma se sarete costanti diventerà automatico e pian piano vi sentirete più spontanei. 

Fai attenzione ai tuoi pensieri, perché i tuoi pensieri diventano le tue parole.
Fai attenzione alle tue parole, perché le tue parole diventano le tue azioni.
Fai attenzione alle tue azioni, perché le tue azioni diventano le tue abitudini.
Fai attenzione alle tue abitudini, perché le tue abitudini diventano il tuo carattere.
Fai attenzione al tuo carattere, perché il tuo carattere diventa il tuo destino.
(Lao Tzu)

Emergenza Covid 19…cosa rimane?

Eccoci alla tanto attesa Fase 3 dell’emergenza Covid19, ma come ci siamo arrivati?
Come è stato da genitori vivere l’emergenza Covid19? E il tempo della Fase 1? E la fase 2?
È stato solo un tempo della restrizione, dei limiti, del “sempre dentro casa” o è stato un tempo in cui abbiamo potuto abitare la nostra casa, una casa che non è fatta solo di mura ma è anche uno spazio di vita, di relazioni, una sacralità dello spazio del silenzio che permette alla parola di emergere?

Ho ascoltato molte storie di uomini e donne che grazie al Covid 19 si sono accorti di avere dei figli, e anche di figli che si sono accorti di avere dei genitori.
E non sempre sono state scoperte piacevoli!
Quella che vivevamo era una vita piena di impegni “fuori”, la settimana era così organizzata e strutturata da sfruttare al massimo il proprio tempo, da non lasciare tempo al “dentro”, le agende non avevano più uno spazio libero perché spazio libero significava incontro con se stessi, con la propria vita. E che ne abbiamo fatto di quelle agende così fitte di impegni? Che ne abbiamo fatto della nostre paure, dei nostri mille impegni? Niente. Ci siamo fermati. Abbiamo respirato e abbiamo ri-cominciato a vivere. E forse per cambiare passo…era necessario fermarsi.

Abbiamo vissuto un vuoto fertile, che ha generato nuove vite, nuove relazioni, scoperte meravigliose. C’è chi si è accorto di vivere in una casa che non gli piace, e allora ha spostato qualche mobile, tinteggiato una parete; c’è chi si è accorto che le relazioni hanno bisogno di tempo, cura e piccole attenzioni per essere autentiche, profonde e che questo tempo ci ha restituito una dimensione umana del vivere in famiglia.

C’è chi ha conosciuto i propri figli, li aveva visti alla nascita e se li è ritrovati adolescenti, sconosciuti, con una “custodia del cellulare al posto delle mani”, senza interesse a incontrare i propri genitori e la passione per il trap. Ma poi cos’è il trap? E i genitori si sono arrabbiati, volevano essere visti dai figli, e via punizioni per il cellulare a tavola, la Tv accesa…ho assistito a figli interdetti che con gli occhi sgranati hanno guardato i genitori e gli hanno detto: “ma ti dov’eri prima?” Eh già…dove eravamo? C’è chi si è messo a impastare, a fare il pane, ha imparato l’attesa della lievitazione, e a scoperto che gli piace, che la vita è fatta di attesa e che il tutto e subito non era un modo sano di vivere. C’è chi ha scoperto che il proprio divano di casa è comodo, che si può leggere un libro con la luce del sole e che giocare con i propri figli sul tappeto è divertente. Ho visto genitori costruire cucine di cartone, fattorie o acquari con le confezioni di cartone delle uova… Finalmente questo tempo ha restituito ai figli qualcosa che apparteneva loro: i genitori. È una meraviglia. L’unico problema è stato per i genitori: in molti mi hanno chiamata, esausti, messi in crisi dal pianto del bambino di 18 mesi, dall’energia di un figlio di 3 o dalla complessità del mondo di un figlio di 10. Per cui i bambini sono ansiosi? Caro genitore l’ansia probabilmente era la tua. Hai scoperto che un bambino ha troppa energia e non ti fa riposare, ebbene sì, è vivo!  

C’è chi ha conosciuto i propri figli, li aveva visti alla nascita e se li è ritrovati adolescenti, sconosciuti, con una “custodia del cellulare al posto delle mani”, senza interesse a incontrare i propri genitori e la passione per il trap. Ma poi cos’è il trap? E i genitori si sono arrabbiati, volevano essere visti dai figli, e via punizioni per il cellulare a tavola, la Tv accesa…ho assistito a figli interdetti che con gli occhi sgranati hanno guardato i genitori e gli hanno detto: “ma ti dov’eri prima?” Eh già…dove eravamo? C’è chi si è messo a impastare, a fare il pane, ha imparato l’attesa della lievitazione, e a scoperto che gli piace, che la vita è fatta di attesa e che il tutto e subito non era un modo sano di vivere. C’è chi ha scoperto che il proprio divano di casa è comodo, che si può leggere un libro con la luce del sole e che giocare con i propri figli sul tappeto è divertente. Ho visto genitori costruire cucine di cartone, fattorie o acquari con le confezioni di cartone delle uova… Finalmente questo tempo ha restituito ai figli qualcosa che apparteneva loro: i genitori. È una meraviglia. L’unico problema è stato per i genitori: in molti mi hanno chiamata, esausti, messi in crisi dal pianto del bambino di 18 mesi, dall’energia di un figlio di 3 o dalla complessità del mondo di un figlio di 10. Per cui i bambini sono ansiosi? Caro genitore l’ansia probabilmente era la tua. Hai scoperto che un bambino ha troppa energia e non ti fa riposare, ebbene sì, è vivo!  

Cosa avranno imparato i nostri bambini da questo tempo? Cosa avranno respirato? Quale è stato l’ossigeno con cui abbiamo nutrito le nostre case? Ho letto molti articoli di autori preoccupati per i bambini…ma di cosa? Certo i bambini hanno vissuto un tempo difficile perché chiusi in casa ma i bambini hanno anche vissuto un tempo di routine con il padre e la madre, e questo è stato un dono meraviglioso. Nessun bambino di nessuna epoca ha potuto vivere 52 giorni lo spazio di casa, il tempo della famiglia, senza alcuna distrazione degli amici, le serate, le vacanze. E se questo tempo è stato mal vissuto dai genitori ovvio che per i figli è diventato un inferno e probabilmente i figli ve lo hanno anche dimostrato, facendovi passare attimi terribili. Io spero che ci siano genitori per cui questo tempo, pur portando con se dolore per le persone che non ci sono più, per la terribile situazione mondiale, sia stato un tempo lento, di colazioni insieme, di pranzi e cene senza corse, di tempo condiviso, di abitudini nuove, di abbracci senza fretta e di relazioni piene. Un tempo di grandi doni.

E se questo non è stato, peccato! abbiamo sprecato una grande opportunità. Forse abbiamo vissuto il nostro tempo a lamentarci per il coronavirus che ci ha tenuti in casa anziché vivere ciò che la vita ci offriva; abbiamo speso ore inutili davanti i programmi spazzatura della tv anziché condividere la lettura di un libro con il proprio figlio o semplicemente chiedere “cosa ti piace” alla persona che ci sedeva accanto sul divano. Abbiamo sprecato il tempo a pensare a quello che avevamo perduto anziché fissare l’attenzione su quello che avevamo trovato. E ora? Ora siamo alla Fase3, e non è un “liberi tutti”, è un tempo del rientro ad una quotidanità, ed è necessariamente un tempo della scelta, torniamo a vivere una vita che ci stressava o ne iniziamo un’altra?: “scegli, appena potrai. Appena te lo permetterai, appena te lo riconoscerai, appena lo accetterai, forse, ti accorgerai che il momento della scelta è già qui e ti guarda sorridente, pronto a benedirti” (E. Mignanelli, www.hundresofbuddhas.com)