A come amore

In questo giorno in cui si celebra l’amore, in ogni forma, condivido una poesia che mi ha colpito, perché spesso siamo coppia ma rimaniamo due individui in coppia, non riuscendo a passare al “noi”.

E questo noi è qualcosa di grande, di importante che non capita a caso ma si costruisce ogni giorno, quando si abbandona il “io sono cosi…” per diventare qualcosa in espansione, che non si ferma a quello che è dato, ma si trasforma, cresce.
È una scelta.

Se questo è amore, mi dico. Ma sì,
questo è l’amore che conosciamo. Ora.
Amore appiccicato, che incolla
quel poco di ala modesta sulla schiena.
Amore legato. In cui si ripete la solfa
del tu e dell’io. Non siamo capaci
di essere insieme acqua e moto,
sale e onda, unica impresa spettacolare.
Come il mare laggiù, lo vedi?

Se questo è amore, mi dico. Mariangela Gualtieri

Oggi auguro ad ogni anima di abbandonare la paura di perdere un po di se stessa per guadagnare il noi, per costruire un ponte verso l’altro senza il timore di non riconoscersi più.
Che sia oggi non solo il giorno per celebrare ma anche per scegliere e creare.

3 risposte a “A come amore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.